Enogastronomia

Tour enogastronomici
La posizione strategica di Senigallia la rende un buon punto di partenza per escursioni nell’entroterra marchigiano dove si producono pregiati vini marchigiani e si assaggiano piatti tipici della nostra tradizione.

Se volete iniziare voi, da casa, a gustare qualcosa di tipico del territorio, ecco una ricetta facile (e anche di poca spesa) da realizzare subito e da abbinare ai salumi che preferite.

Ah, noi la prepariamo nel periodo pasquale, ma è buona in ogni momento dell’anno 😉

La crescia al formaggio
La crescia è una ricetta tipica marchigiana che viene solitamente preparata nel periodo pasquale, ricca di formaggi e ottima da gustare con i salumi che più preferite.
La crescia ha la stessa forma del panettone, ma anziché essere dolce è salata ed ha una consistenza molto più spugnosa.

Ingredienti:

  • 500 gr di farina
  • 150 ml di latte
  • 1 bustina di lievito di birra
  • Malto
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 150 ml di olio d’oliva
  • 150 gr di Parmigiano Reggiano
  • 150 gr di pecorino
  • 10 gr di sale
  • 5 uova medie

Sciogliete il malto nel latte, mettete nella ciotola di un mixer (o in una ciotola di vetro se impastate a mano) la farina, il parmigiano, il lievito di birra, e il latte nel quale avrete disciolto il malto (o lo zucchero) e cominciate ad impastare; unite le uova a temperatura ambiente, una alla volta, il pepe macinato e il sale.

Aggiungete anche l’olio a filo e quando (dopo almeno 10 minuti) il composto sarà ben amalgamato, unite il pecorini tagliato a cubetti. Rovesciate l’impasto su di una spianatoia, impastate velocemente per formare una palla e poi ponete la crescia con la parte più liscia verso l’alto in uno stampo cilindrico dai bordi alti (tipo quello per panettone) preventivamente imburrato e ricoperto con carta forno.

Spennellate la superficie della crescia con del burro e lasciate lievitare a circa 30° per circa due ore e mezza o fino a che l’impasto non sarà cresciuto da arrivare al bordo superiore dello stampo. A questo punto infornate la crescia in forno statico già caldo a 180° per circa 50-60 minuti, posizionando preventivamente in un angolo della leccarda ( o della grata) una ciotolina contenente dell’acqua fredda.

Prima di infornare la crescia, spruzzate un po’ di acqua fredda nel forno e procedete con la cottura. Trascorso il tempo indicato, per verificare la cottura, fate la prova stecchino e se quest’ultimo fuoriesce completamente asciutto, la crescia è pronta! Estraete la crescia dal forno, tiratela fuori dallo stampo e lasciatela raffreddare su di una gratella.

Una volta fredda, tagliate la crescia a fette e servitela ai vostri commensali.

I commenti sono chiusi.